Archivi tag: ait benhaddou

Ait-Benhaddou

Il mattino è benedetto da un sole caldo qui ad Ait benhaddou. Lo vedo entrare nella mia stanza attraverso una fessura tra le tende. Non credo ai miei occhi, nel dormiveglia confondo il giallo con qualche riflesso dei vetri colorati. Mi alzo, dopo un giorno sotto l’acqua i miei vestiti sono umidi e le mie borse necessitano di sole e calore! Spalanco la porta, pochi secondi affinchè i miei occhi si abituino alla luce, e davanti a me un blu e un panorama che la sera prima non avevo assolutamente notato. Sono ad Ait- Benhaddou, una delle Kasbah meglio conservate di tutto l’Atlas, qui hanno girato diversi film registi famosi, Ridley Scott col suo “Il gladiatore” su tutti. Non vedo ancora la kasbah, dista dieci minuti a piedi, ma davanti a me lo spettacolo dell’Atlas innevato accompagnato da un’aria fresca e frizzante tipica del dopo tempesta. Mi volto sulla destra, come lucertole al sole, i muratori che lavorano al rifacimento di una stanza sono appoggiati al muro godendo del calore che il sole regala. Corro in camera, prendo la macchina e chiedo il permesso di fotografarli. Sono indecisi qualcuno si, qualcuno no, schiaccio il tasto, si apre l’otturatore, immortalati e con me per sempre. Rachid arriva col suo sorriso, in terrazza è pronto il tavolo con la mia colazione, mi porta un caffè nero, niente a che vedere col nostro italiano, ma buono e confortante appena svegli.

Arriva anche Abdou, entrambi gentili e sorridenti come al mio arrivo. Ho digerito senza problemi l’ottimo couscous con verdure e manzo che mi hanno servito la sera precedente, mi sento un leone, la luce è bella ed io riposato dopo ore di pioggia, freddo e fango. Come una brava massaia marocchina stendo tutto quello che posseggo sul muro caldo. Visto da fuori l’albergo sembra una delle tante case che ho visto nelle zone agricole intorno a Settat sempre con i loro tappeti appesi ad asciugare. I proprietari non fanno una piega, anzi mi aiutano a sistemarli, benedetta accoglienza marocchina! Prendo la mia canon e mi dirigo a visitare la Kasbah. Rachid mi guida per un pezzo “adesso vai a destra, tout droit”. Cammino pochi metri e davanti a me una meraviglia che ha il potere di lasciarmi senza parole per pochi secondi. Il fiume ai piedi del vecchio centro abitato è pieno e reso marrone a causa delle piogge abbondanti dei due giorni precedenti. Un servizio a pagamento permette con gli asini di percorrere i venti metri di acqua che mi dividono dalla kasbah. Nel punto più alto non credo superi i 40 cm. Osservo il tragitto che i berberi fanno fare ai loro asini per trasportare i turisti che a fatica riescono a cavalcarli. Osservo le loro zampe, non si immergono mai troppo. Studio la traiettoria, osservo i miei stivali, non mi hanno mai tradito e non lo faranno neanche in questa circostanza. Cammino nel fiume, scatto qualche foto, raggiungo l’altra sponda con i piedi perfettamente asciutti. Gli sguardi dei condottieri di asini mi hanno seguito dal primo passo. Con la macchina fotografica in mano speravano forse in una mia caduta per poter dire “ecco ciuccio italiano, prendevi l’asino e ti risparmiavi questa belle figura di m….”. Invece supero il guado, arrivo, saluto e incasso la vittoria. Pago 10 dirham e visito questo gioiello del XVI sec, perfetto esempio di pisè, la tecnica che usano tuttora per costruire le case. I mattoni sono realizzati con un misto di fango, paglia e sassolini di fiume. Tengono bene, la kasbah lo conferma e qui d’altronde non piove molto. I due giorni precedenti sono stati i primi dall’inizio dell’anno. “Sono proprio stato fortunato” mi dice Aziz dal bar dove scatto le prime foto, “senza pioggia il fiume sarebbe stato secco”. Eh già proprio una bella fortuna, peccato che per giungere qui abbia visto l’inferno! Impiego un’ora circa a scattare fotografie e ritorno in albergo. Preparo per l’ennesima volta i miei bagagli asciutti e sono pronto a partire. Nel frattempo la strada a Tizi-n-tichka è stata riaperta. Decido lo stesso di seguire il percorso giallo sulla mia mappa, quello che ieri mi sconsigliavano tutti. Il sole è davvero forte e se un po’ d’acqua dovrà esserci questo caldo di sicuro l’asciugherà. Naturalmente la previsione è sbagliata, non so dove porti quella strada, non so che alla fine della stessa raggiungerò i 2270 metri e sarò in mezzo alla neve. Percorro i primi chilometri in un paesaggio stupendo, questa è di sicuro la strada più bella che abbia percorso da quando ho iniziato questo motoviaggio. Complice la luce, complice il pisè che con tutto quel sole dona alla vallata un aspetto che non avevo mai notato in nessuno dei miei viaggi. Sono davvero sereno e sto bene, il paesaggio è meraviglioso, la moto, un’africatwin rd04 del 1991, regala solo emozioni e ormai dopo aver raggiunto i 4000 chilometri in terra marocchina con il mio motoviaggio sento sia arrivato il momento di darle un nome. Ci pensavo già da giorni ma il numero 4000 sul mio gps mi fa capire che non c’è più tempo da perdere. Mi fermo, siamo soli io e lei, la mia compagna, colei che ha retto il mio sedere per un mese senza sosta. Mefishmuskì ,ecco il suo nome, da oggi sarà Mefishmuskì. “Non c’è problema” vuol dire in marocchino ed in effetti a parte la pompa della benzina (non originale Honda tra l’altro, ma da me adattata da un piaggio Beverly 250) non mi ha mai dato un problema. Non potrebbe esistere nome migliore, prendo dell’acqua marroncina da una pozzanghera e la battezzo. Jallah, è tempo di andare! Davanti a me il paesaggio inizia a cambiare, ho già percorso quarantacinque chilometri, ne mancano ancora quindici alla tappa intermedia e le montagne di neve che al mattino vedevo in lontananza mi sono molto vicine, troppo vicine, in poche parole ci sono dentro. Davanti a me dopo pochi metri il primo guado. Se a valle l’acqua grazie al sole era evaporata, qui grazie allo stesso sole è la nave a sciogliersi e a rendere i simpatici rivoletti d’acqua fiumiciattoli. Ne attraverserò tre durante i rimanenti chilometri. Ogni volta la stessa scena. Fermo la moto, scendo a sondare con i miei stivali il fondo e l’altezza, fattibili. Ripenso a tutto quello che ho visto nei video su come guadare, dove tenere il peso e mi sento sicuro. Ho inoltre applicato la tecnica di Chris Scott e il suo Overland Sahara: “meglio stivali bagnati che moto e tutto il resto bagnato”. Pronti a partire! Al primo guado un po’ mi tremano le gambe, accendo la moto, innesto la prima ma passa qualche secondo prima di rilasciare la frizione, mi faccio forza e accarezzo il serbatoio di Mefishmuskì con la mia mano sinistra come fosse un purosangue. Rilascio la frizione, ho già studiato dove far passare la moto, va tutto bene, peso indietro e sguardo avanti, passo il piccolo guado, io e Mefishmuskì siamo ancora più uniti.

Raggiungo i 2270 metri, Tiz-n-tichka, intorno a me solo la neve e qualche venditore di rocce troppo colorate e troppo fosforescenti per essere vere. Ho raggiunto il punto più alto di questo motoviaggio e sono a centonove chilometri da Marrakech. L’orologio segna le due del pomeriggio, duecentoottanta chilometri mi separano da Settat, il quartier generale di Soleterre. Sento quel posto come fosse casa mia, decido che passerò lì la notte, una bella doccia calda, cibo italiano e se sarò fortunato una birra. Percorro pochi chilometri e le nubi che negli ultimi minuti avevano deciso di assumere la tonalità grigia, iniziano a scaricare in terra acqua e ancora acqua. Rimetto il completo antipioggia tucanourbano e la copertura arancione alle mie sacche laterali. Inizio la discesa a valle con una certezza:questa pioggia inizia proprio a rompere le palle! Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in I miei motoviaggi

Nuvole Marocco

Ho lasciato Erfoud. Il cielo è nuvoloso, non promette bene oggi. Seduto nell’atrio dell’hotel osservo il cielo grigio e decido, pensando all’ acqua che di sicuro prenderò, come disporre i miei bagagli. Mentre mangio del pane fresco accompagnato da un ottimo olio d’oliva (la colazione del posto) vedo nel bar di fronte a me dei ragazzi giocare a biliardo. Indossano lo zainetto come fosse un’armatura, non lo tolgono neanche per eseguire i colpi più difficili. Già ieri li avevo notati, escono di casa qualche minuto prima ed impiegano così il tempo che precede il suono della campanella. Penso ai miei tempi quando ogni minuto primo dell’ingresso del professore era un tesoro da utilizzare al meglio per ripassare, copiare, ed in molti casi studiare. Vicino al mio liceo non c’era nessuna sala da biliardo aperta al mattino così presto e non so se in ogni caso avrebbero fatto entrare dei mocciosetti come noi. Intingo nel liquido verde la mollica, la mangio di gusto assaporando fino alla fine l’aroma che il pane col suo calore risveglia nell’olio. Prendo la mia macchina fotografica e mi dirigo verso il tavolo verde. Osservo i ragazzi per un po’, loro si incuriosiscono, sono sempre vestito da astronauta blu e stringo tra le mani una macchina fotografica equivalente allo stipendio medio di un anno marocchino. Chiedo se posso fare qualche scatto. Sono un po’ diffidenti ma si lasciano convincere dal mio sorriso e da qualche consiglio che do su come tenere la stecca. Il cielo è sempre più grigio, preferisco partire, oggi mi aspettano tanti chilometri.

Decido di seguire una strada secondaria, mi farà accorciare di cinquanta chilometri circa e mi permetterà forse di trovare un po’ meno asfalto, il mio motoviaggio oggi ha voglia di un po’ d’avventura. Supero il paesino di Jorf e alcuni simpatici piccoli vulcani iniziano a costeggiare per un chilometro circa da entrambi i lati la strada. Sono gli antichi pozzi da cui gli abitanti di queste zone prendevano l’acqua da portare ai loro villaggi. Adesso sono un’attrazione turistica, tende berbere montate all’ingresso e persone vestite con coloratissime djellabe. Scatto una foto e mi allontano prima di essere fermato da qualcuno per il solito rituale di domande teso a vendermi qualcosa. Raggiungo Tinejdad, tappa intermedia prima di Tinerhir città bella , con una meravigliosa kasbah in pisè, da qui iniziano i quattordici chilometri che portano alle gole del Todra. A metà strada tra le due città inizia la pioggia, quella sottile quasi impercettibile che in siciliano si definisce “assuppa viddranu”. È la pioggia che il contadino al mattino non considera neanche, non merita un ombrello o alcun tipo di protezione. Però lei c’è, sempre presente e costante. A fine giornata di ritorno dai campi dopo molte ore di lavoro, lei ha completamente inzuppato (assuppatu appunto) il contadino (lu viddranu). Raggiungo Tinehrhir e la pioggia è già mutata in pioggia normale che in moto naturalmente aumenta, a causa della velocità, il suo potere “inzuppante”. Decido di percorrere lo stesso i chilometri che mi separano dalle gole che raggiungono i 2000 metri. La scelta non è delle più intelligenti, salendo la pioggia si intensifica e lo spettacolo delle gole è orrendo, luce pessima e acqua talmente forte da non permettermi di tirar fuori la macchina fotografica. I venti minuti impiegati per raggiungere le gole hanno nel frattempo trasformato la strada che mi attende al ritorno in un pantano unico. Tutto diventa marrone grazie al fango che inizia a colare dalle pareti e  le buche si trasformano in simpatiche lagune. Il segno di quanto impraticabile sia il percorso anche per i camperisti più intraprendenti è la scomparsa dai punti strategici di tutti i bambini sempre pronti a vendere qualsiasi cosa. Il tempo raddoppia per percorrere i chilometri che mi separano dalla città e ormai sono ad un livello superiore rispetto all’inzuppamento del contadino siciliano. Con questo tempo raggiungo Boulmane-du-dades e Skoura. Città meravigliose che con la pioggia perdono tutto il loro fascino e i loro colori. A causa del tempo infame decido di non visitare le gole del Dades. Dovrei percorrere centoventi chilometri tra andata e ritorno e vedermi forse riproporre lo stesso schifoso spettacolo di quelle del Todra? No grazie, decido senza esitazioni che sarà per un’altra volta. Punto a Ouarzazate, la città è molto interessante, le abitazioni hanno lo stile che si incontra nelle kasbah presenti nella meravigliosa strada che la collega a Boulmane-du-dades. La pioggia non smette mai, la mia maschera è completamente inzuppata e inizio a sentire l’acqua persino all’interno del casco. Sono le quattro del pomeriggio, sono a soli trentadue chilometri da Ait-Benhaddou, la perla di tutto l’Atlas. Devo decidere cosa fare. Il tempo continuerà schifoso per tutta la sera immagino e se domani dovesse migliorare preferirei svegliarmi ed essere già pronto per visitare la città. Mi fermo per fare il pieno. Mentre riempio il serbatoio della Transalp che ho montato sulla mia Africatwin chiedo informazioni al benzinaio. Brutte notizie. La strada che va a Marrakech è interrotta all’altezza di Tizi-n-Tichka causa la frana di una montagna, e la strada secondaria, che si percorreva prima dell’apertura dell’autostrada, è assolutamente sconsigliata con questo tempo anche ad una moto come la mia. Questo significa che non posso proseguire a Nord verso Tanger passando da Marrakech. Se tutto continua così dovrò tornare indietro e arrivare a Nord di Tizi-n-Tichka da Est. Guardo la cartina, significano circa trecento chilometri in più. Non voglio pensarci, sono già  super bagnato, non saranno trenta chilometri a fare la differenza ed in ogni caso non voglio perdermi la perla dell’Atlas che conserva la Kasbah più bella. Percorro i primi venti su una strada piana, asfaltata e piena d’acqua. All’improvviso un cartello indica la svolta a destra, dodici chilometri ad Ait-Benhaddou, l’inizio della famosa strada sconsigliata in casa di maltempo. Avrò ancora luce per due ore faccio in tempo a rischiare e male che vada tornare indietro e dormire a Ouarzazate. Dopo i primi duecento metri la strada è un inferno, fango al posto dell’asfalto e schizzi dalla pozzanghere marroni provenienti dai 4×4 che scendono a valle. La mia maschera è marrone e lo stesso per la mia tuta tucanourbano. Le mie ossa sono umide e sento acqua corrermi lungo la schiena. Non ne posso davvero più, mi aspettavo un clima decisamente diverso. Percorro gli ultimi chilometri tenendo il pensiero fisso alla doccia calda che farò a qualunque costo. Questa sera albergo, non importa quanto pagherò, ho bisogno di riposarmi, mangiare e asciugare tutto quello che sta viaggiando con me. Raggiungo Ait-Benhaddou, sono in uno stato pietoso, mi fermo all’hotel Ksar, ho letto la recensione sulla guida Rough guides. Mi vedono arrivare, son gentilissimi da subito. Vengono fuori a prima ancora di parlare di soldi, mossi forse a pietà dal mio stato, mi offrono un tetto e mi propongono di vedere la camera. La vedo, è bella e pulita, tratto per essere gentile e assecondare la loro cultura, prezzo fissato con tanto di cena e prima colazione. “Avete doccia calda?” chiedo impaziente, “si tutta quella che vuoi” mi dice Abdou, il proprietario. Hamdulillah, potrò rinascere. Rachid è gentilissimo, mi accompagna fuori, si bagna insieme a me e mi aiuta a portare dentro tutti i bagagli dalla moto e infine a metterla all’interno del cortile, al riparo da acqua ed eventuali malintenzionati. Mi spoglio, mi fiondo nella doccia, sono ad Ait-Benhaddou, mi aspettavo qualcosa di diverso, un po’ meno camel trophy. Sotto l’acqua calda il mio corpo inizia a rigenerarsi, rinasco e penso alla cena. Ho fame e ho voglia di scrivere per non dimenticare niente di questa giornata. Ancora una volta l’accoglienza di questo popolo è meravigliosa, esco dalla doccia, mi asciugo e raggiungo il salone per vedere in che posto sono finito. Mentre osservo gli splendidi interni arriva Rachid con del thè alla menta caldo e zuccherato. Et voilà mesdames et monsieur, Ait-Benhaddou. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in I miei motoviaggi